LO SPETTACOLO

 

investigatriceE TU, MIMÌ, CHE VUOI?

Opera thriller

Testo

Paola Barbato

Drammaturgia musicale

Federica Falasconi

Regia

Omar Nedjari

Scene e attrezzeria

Maria Paola Di Francesco

Costumi

Giada Masi

Progetto luci

Roberta Faiolo

Supervisione artistica

Serena Sinigaglia

Pianoforte    

Federica Falasconi

Vignette

Corrado Roi

Produzione Teatro Sociale di Como – AsLiCo

in collaborazione con

ATIR Teatro Ringhiera, Milano

Piccolo Teatro di Milano

DetectiveUn’investigatrice segue un assassino seriale. Le sue vittime sono donne. Vengono sedotte, invitate a cena e poi uccise. Ognuna in modo diverso. Due soli elementi legano tutte le vittime: tutte soffrono di una patologia alimentare e… la scena del crimine presenta alcuni elementi ricorrenti. Elementi apparentemente insignificanti che assumo un grande valore quando a leggerle è la persona giusta. Queste “tracce” sono rimandi ad alcune fra le più famose opere liriche: Falstaff, Don Giovanni, Tosca, Cenerentola, l’Elisir d’Amore…
scena 1Perchè l’assassino prepara la scena del crimine in questo modo? Cosa sta cercando di dire? L’indagine che condurremo in questo spettacolo sarà doppia: mentre cercheremo  di scoprire l’identità dell’assassino, intraprenderemo un viaggio nella musica classica che si rivelerà in tutta la sua potenza evocativa e simbolica.

L’autrice del testo è Paola Barbato, da anni una delle autrici di punta di Dylan Dog, come anche di un fumetto di stampo completamente diverso che ha avuto molto successo sul web: “Davvero.”
Il linguaggio classico, dell’opera lirica, incontra così il linguaggio più contemporaneo in assoluto, quello del fumetto. I registri si mischiano, per dimostrare ancora una volta che quel che rende la musica immortale è la sua duttilità, la sua capacità di dialogare col contemporaneo aggiungendo senso e potenza a molti linguaggi diversi.